“Chi scende dal palco?”… Fiammetta Alexander

di Maria Giovanna Tarullo 

Glamour, mistero e sensualità. Questa l’essenza di un’artista a tutto tondo, degna erede delle dive del cinema anni ’30, capace con la sua voce intensa di infuocare il suo pubblico. Burlesque News dà il benvenuto all’interno del suo salotto virtuale alla cantante e burlesque performer Fiammetta Alexander (aka Miss Vampfire).

Fiammetta inizia il suo viaggio nello sfavillante mondo del cabaret al Micca Club di Roma nel 2010, da dove è partito il suo lungo percorso in giro per il mondo, partecipando ai più importanti eventi internazionali, tra cui il New York Burlesque Festival, Miss Viva Las Vegas, Michelle L’Amour Big Sexy Show, Proud Cabaret e Madame Jojo’s di Londra, solo per citarne alcuni. Inoltre, attualmente, è la co-produttrice del festival Burlesque Riot di Roma giunto alla sua quinta edizione.

Fiammetta Alexander scende dal palco solo per i lettori di Burlesque News!

Ph Serena Dattilo
Ph Serena Dattilo

Nome e cognome: chiamatemi Fiammetta Alexander

Nome d’arte: Fiammetta Alexander (aka Miss Vampfire)

Nata il 27 agosto a Roma

Stato civile: Fidanzata

Segni particolari: Sono un po’ pazza, ma maschero bene

Burlesque per me significa: Realizzare delle fantasie. Un abito, un’acconciatura, il personaggio di un film, molte delle cose che ho desiderato o immaginato di essere, ho potuto realizzarle grazie al burlesque. Lo striptease non è mai stato l’aspetto principale per me anche se mi diverte ed è l’elemento fondamentale che caratterizza questa arte. Senza di questo, il burlesque non sarebbe molto diverso da altre forme di intrattenimento. Per questo ci tengo sempre a ricordare che nel burlesque ci si spoglia! E’ l’elemento più irriverente, intrigante e “pericoloso”. Mi affascina pensare allo scalpore che uno spettacolo di burlesque poteva provocare negli anni 20′ e al suo spirito “ribelle”. Burlesque per me significa anche “viaggio” perché in questi anni mi ha portato in tanti posti che ho sempre sognato di visitare. Sono una ragazza con la valigia sempre pronta e l’assenza di movimento è la mia più grande paura.

Prima apparizione sul palco: In un saggio di danza chissà quanti millenni fa! Se parliamo di burlesque, l’anno credo fosse il 2011. Sul palco dello storico Micca Club, il primo spettacolo dell’Accademia dell’Arte Burlesque di quell’anno. Non lo dimenticherò mai. Era pieno di amici, ex-fidanzati (anche il futuro fidanzato!) e persino mio fratello. Ero acerba, ingenua e un po’ intimorita ma quello spogliarmi fu una grande liberazione. Quella notte mi sono metaforicamente spogliata di molte cose e ho promesso a me stessa che la mia vita sarebbe cambiata.

Lo spettacolo che porto nel cuore: E’ probabilmente la prima edizione del festival Burlesque Riot, che co-produco con Giuditta Sin. Fu una grande festa, un trionfo di creatività e di gioia e anche il trionfo del coraggio di fare una cosa del genere completamente da sole, senza fondi, senza ufficio stampa, solo con le nostre idee.

Ph Serena Dattilo
Ph Serena Dattilo

L’accessorio che porto sempre con me: Sono una che si porta dietro un sacco di cose! Per quanto siano graziose le borse piccole, non fanno per me. Ho sempre gli occhiali da sole, perché sono un po’ vampira e potrei liquefarmi.

Sogno di esibirmi davanti: Mio padre. Non c’è più da quando avevo 20 anni. Era una persona molto coinvolgente, con grande spirito d’avventura e mi faceva sentire che tutto era possibile. Mi piacerebbe che potesse vedere la donna che sono diventata: con lo stesso spirito d’avventura e con la stessa convinzione che tutto sia possibile. Ma probabilmente mi sta guardando.

Se rinascessi vorrei essere: Me stessa, solo più leggera.

Motto personale: Se posso immaginarlo, posso realizzarlo.

Progetti futuri: Il 5 e 6 Aprile mi esibirò a Roma a La Conventicola Degli Ultramoderni nello spettacolo Le Pustra’s Frecher Salon, ispirato al cabaret della Berlino di Weimar. Lo show è ideato da Le Pustra, celebre artista del mondo del cabaret e della performance art. Sono particolarmente emozionata di questa collaborazione perchè Le Pustra è molto di più che un artista. E’ una persona magica che è per me continua fonte di ispirazione.
Se siete a Roma non potete mancare. E se non siete a Roma, fossi in voi prenderei un treno! Un altro progetto importante è la realizzazione del primo EP delle mie canzoni che spero vedrà la luce entro l’estate.

Ph Serena Dattilo
Ph Serena Dattilo

 

© 2017, Maria. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Riproduzione riservata !!!