No alla vendita del Salone Margherita

In questi giorni un appello sta comparendo sulle bacheche dei social network di moltissimi artisti della scena burlesque e non solo: “No alla vendita del Salone Margherita”.  A lanciare la petizione su Change.org, che al momento ha raggiunto le oltre 2700 firme, è il blogger Stefano Molini.

Un’iniziativa lodevole volta a preservare un luogo storico che ha ospitato sul suo piccolo e prestigioso palcoscenico i più grandi intrattenitori dell’ultimo secolo.

Tutt’oggi grazie alle serate dirette da Alessandro Casella, sotto il marchio Micca Club, permette al pubblico romano di assistere a spettacoli di burlesque unici e fuori dal tempo. A regalare quell’atmosfera vintage è proprio questo edificio capolavoro dell’architettura liberty, in cui si respira la vera essenza dell’arte.

Come afferma Molini: “Il rischio è che il Salone Margherita diventi un luogo di esposizione negoziale e di commercio e ciò rappresenterebbe il colpo di grazia ad una città che ogni giorno sempre più sprofonda nel degrado. Chiediamo al Governatore della Banca d’Italia, dott. Ignazio Visco, al Ministro della Cultura, On. Dario Franceschini e alla Sindaca di Roma, On. Virginia Raggi di impegnarsi affinché il Salone Margherita NON sia venduto e i suoi pregiati stucchi, le sue raffinate tappezzerie, ma soprattutto il suo meraviglioso palcoscenico continuino a far vivere la magia e le emozioni che dal 1898 regalano agli spettatori”.

Anche Burlesquenews.it sostiene questa battaglia e vi invitiamo a nostra volta a firmare la petizione online.

© 2017, Maria. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Riproduzione riservata !!!