“Chi scende dal palco?”… Candy Bloom

di Maria Giovanna Tarullo 

Dopo aver passato buona parte della vita a vestire gli altri ha deciso di volersi presentare al pubblico togliendoseli. La sua passione per l’arte del Burlesque prende vita proprio all’interno delle importanti sartorie in cui ha lavorato, dove si specializza nella realizzazione di quei costumi ricchi di piume e lustrini.

Così, inizia la storia burlesca della performer partenopea Candy Bloom, la nuova ospite della bislacca anagrafe di Burlesque News. Sale sul palco nel 2012 prima esibendosi in solitaria, mettendo in campo i suoi studi pluriennali di danze caraibiche, latino americane e di tango argentino, per poi prendere parte alla creazione del gruppo Burlesque Cabaret Napoli, con cui collabora sino al 2015.

Seguendo gli insegnamenti dei migliori professionisti del settore e grazie alla partecipazione a manifestazioni e festival, fonda Burlesque Art Napoli che promuove corsi e spettacoli con la collaborazione di performer provenienti da altri ambiti artistici.

Nome e cognome: Francesca Filardo

Nome d’arte: Candy Bloom

Nata il 13 settembre a Napoli

Stato civile: Liberamente innamorata

Segni particolari: Una macchia rossa picchiettata che si stende dietro la gamba destra… no, non è una bruciatura, sono nata così. E poi nei, tantissimi… in pratica sono a pois

Burlesque per me significa: Condividere i miei sogni e quello in cui credo, attraverso un momento di leggerezza e comicità

Prima apparizione sul palco: A 9 anni durante il saggio di ginnastica artistica.

Lo spettacolo che porto nel cuore: Quando mi sono esibita per la prima volta in una performance burlesque. Ero piuttosto abbondante (molto più che curvy), ma il pubblico mi applaudì con entusiasmo, mi chiese il bis, ed io mi sentii davvero bella per la prima volta.

L’accessorio che porto sempre con me: Una pietra di avventurina, uno dei colori del chakra del cuore.

Sogno di esibirmi davanti: Ad un pubblico così grande da aver bisogno dello schermo gigante per arrivare a tutti.

Se rinascessi vorrei essere: Quello che sono, un’artista poliedrica, ma vorrei riprendere da dove ho lasciato per continuare il lavoro.

Motto personale: Sono due “Sono bella così come sono” e “Mai prendersi troppo sul serio”.

Progetti futuri: Voglio continuare la mia preparazione artistica sia nella danza che nella recitazione e nel mimo. Poi desidero continuare a cercare artisti di varie arti per integrare il burlesque in uno spettacolo vario che alterni momenti comici a momenti significativi. Questo tipo di spettacolo già l’ho proposto prima con un mago, poi con un attore, ma intendo proporre spettacoli sempre nuovi, perché il burlesque non resti fine a se stesso. Poi domani chi sà… magari la vita proporrà a me qualcosa di interessante. Resto aperta a tutte le possibilità.

© 2017, Maria. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Riproduzione riservata !!!